Migliore Varietà di Olive per Olio

Torna indietro a Articoli
Migliore Varietà di Olive per Olio

Migliore Varietà di Olive per Olio

Produrre un olio di qualità è sicuramente l’obiettivo principale di ogni coltivatore di olive ed è per questo che, per dare vita ad un prodotto di elevata qualità è bene valutare con attenzione ogni varietà esistente, allo scopo di selezionare il prodotto che maggiormente risponde ai propri bisogni. L’olio, come è ben risaputo, altro non è che il risultato finale che si ottiene a partire dal processo di spremitura delle olive: ovviamente, non tutte sono uguali e proprio per questo motivo, scegliere quale possa essere la varietà ideale per le proprie esigenze, non è certamente un compito semplice.

Le varietà di piante di olive risultano essere molteplici ed ognuna di queste varietà tende ad adattarsi ad un determinato terreno oppure ad uno specifico microclima ed è per questo che ogni varietà di pianta di olivo da olio sarà in grado di dare vita ad un risultato finale in grado di distinguersi per produttività, forza, sapore e profumo unico.

Migliore varietà di olive per olio: l’importanza della resa

Uno degli aspetti principali da prendere in considerazione allo scopo di poter scegliere quella che è la migliore varietà di olive per olio è sicuramente quello legato alla resa dell’olio. Con questo termine, nello specifico, si tende ad indicare proprio la quantità di olio che viene estratta in fase di lavorazione al frantoio; rappresenta, dunque, l’olio che è possibile trovare all’interno del singolo frutto e questa, come si può ben comprendere, dipende proprio dalla varietà di olive che si è scelto di utilizzare, nonché dall’andamento climatico e ovviamente, dalla tipologia di lavorazione che viene utilizzata da parte del frantoio. A seconda della qualità di olive da olio utilizzate, non solo cambierà il sapore e l’odore del prodotto finale ma ovviamente, anche la resa finale.

Fondamentalmente, vi è da dire che la resa dell’olio è un aspetto che va di pari passo con la qualità dell’olio stesso, ed è per questo che scegliere la migliore varietà di olive per olio è di fondamentale importanza valutare anche questo aspetto.

Varietà di olive da olio: quali sono le migliori

Come già anticipato, le varietà di olive da olio attualmente presenti sono molteplici; tra le più apprezzate però vanno sicuramente ricordate le seguenti varietà:

Leccino

La varietà Leccino è certamente una delle più antiche: oggigiorno, è possibile trovare questa varietà nella maggior parte delle regioni italiane, nonché all’estero. La varietà di olive per olio Leccino si distingue soprattutto per un frutto di medie dimensioni e per la buona resistenza della pianta all’azione del freddo. Il sapore finale sarà particolarmente fruttato e dunque, molto piacevole al gusto.

Cima Di Melfi

Varietà di olivo da olio con medio tardiva epoca di maturazione ed elevata resa in olio. La pianta presenta elevata vigoria con portamento espanso. Il frutto è di grossa dimensione, leggermente assimentrico. Suscettibile alla mosca, meno a rogna e occhio di pavone.

Coratina

La varietà di olive da olio Coratina è tipica soprattutto del territorio pugliese (con maggiore frequenza è possibile trovare le piante soprattutto nei comuni di Andria e Barletta). Il frutto che contraddistingue la varietà Coratina è di piccole dimensioni, e date le sue innumerevoli proprietà, si tratta di una varietà utilizzata per ottenere un olio di grande pregio, in grado di distinguersi per il suo sapore fruttato ma al tempo stesso, leggermente amaro.

Picholine

Cultivar rustica a duplice attitudine, molto diffusa in Francia. Entra precocemente in produzione ed è risultata di facile adattabilità ai vari ambienti e terreni. Le drupe, di medie dimensioni (3-5g), vengono raccolte verdi se utilizzate per la mensa, nere se destinate alla produzione di olio. La maturazione è tardiva e le olive, di forma ellissoidale-allungata, hanno rese in olio medie del 18-20%.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna indietro a Articoli