Varietà di Albicocco Autofertile Tardivo

Torna indietro a Articoli
Varietà di Albicocco Autofertile Tardivo

Varietà di Albicocco Autofertile Tardivo

Le albicocche sono un frutto amatissimo nel nostro paese che ogni estate torna sulle tavole degli italiani come la regina di questa stagione. Le piante di albicocco sono, tuttavia, impegnative da coltivare in quanto la loro fruttificazione di norma avviene in un periodo ristretto di tempo e data la sensibilità di questa pianta agli sbalzi di temperatura ciò può comportare un rischio per i raccolti.

Grazie ad anni di studio è possibile oggi acquistare delle piante di albicocco che uniscano i benefici dei raccolti tardivi alla caratteristica dell’autofertilità creando non solo uno spazio di tempo più elevato per la raccolta ma anche la possibilità di possedere una pianta in grado di impollinarsi in maniera autonoma. Tra le qualità di albicocco tardivo autofertile ci sono per esempio la varietà “Boccuccia” o il “Cibo del Paradiso” che sono particolarmente diffusi in Italia dando dei frutti prevalentemente adatti alla consumazione diretta ma in grado anche di essere trasformati dal punto di vista alimentare in prodotti come conserve oppure succhi di frutta.

Come trattare una pianta di albicocco tardivo?

Questo genere di albicocco predilige un terreno Ph tra 7,0 e 8,5 ed è sempre preferibile fare molta attenzione ai valori del vostro terreno per poter gestire al meglio la vostra pianta di albicocco. Un altro momento particolarmente importante è quello del trapianto da eseguirsi preferibilmente o in autunno o durante l’inverno, quando la pianta si troverà nel suo periodo di riposo. Altro elemento che non deve essere dimenticato e l’esposizione al sole, questo sarà infatti fondamentale per lo sviluppo della chioma nonché per la crescita dei frutti: maggiore sarà l’esposizione al sole maggiore sarà la qualità dei frutti del vostro albicocca.

Una buona esposizione al sole sarà anche la miglior garanzia per la ripresa dell’albicocco durante la stagione fredda, infatti grazie alla fotosintesi accumulata nei giorni di sole l’albicocco potrà non solo incamerare preziosi zuccheri nobili da trasmettere i propri frutti ma sarà anche in grado di riprendersi per poter rinnovare la sua chioma dopo le temperature basse.

Vivai Spinelli nel proprio catalogo dispone di varietà di albicocco tardive e autofertili per venire incontro alle esigenze dei propri clienti. Dopo anni di selezione e attenta cura in vendita potrete trovare le varietà più produttive in grado di rispondere alle esigenze diverse di ciascun coltivatore.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna indietro a Articoli